Simona Puttini

Mia madre, sin da piccola mi perdeva di vista e mi ritrovava regolarmente nei box dei cani, a volte addormentata su loro, a volte seduta a terra condividendo un tozzo di pane o giocando. Avevamo sempre cucciolate ed io mi sentivo un cucciolo, una di loro. Così un giorno, arrivò un giornalista di una rivista che negli anni ‘60 andava per la maggiore “Epoca”. Doveva fotografare una cucciolata di spinoni italiani. Ci aveva chiesto di trasferire mamma e cuccioli in giardino per sfruttare al meglio la luce. Io avevo 3 anni. Mi sono sempre data da fare, così presi in braccio un cucciolo e lo portai fuori, per aiutarli. Il fotografo mi fece una foto che andò a tutta pagina sulla rivista. Ci aveva visto giusto.


Il mio linguaggio era quello dei cani. Quando, in pensione, arrivava un cane di difficile gestione, me ne occupavo io. Riuscivo sempre a trovare uno spazio luminoso dove poter comunicare. Sapevo che una volta data fiducia, il cane non ti tradisce. Cani mordaci o troppo spaventati mi riconoscevano come una di loro e si fidavano.


Così ancora oggi, quando un cane nuovo varca il cancello, mi basta uno sguardo e già so che tipo è, cosa ha bisogno, dove sistemarlo e come gestirlo. Mio padre diceva che si chiama “sesto senso”. Ho studiato, ma ho sempre lavorato con i miei. A diciannove anni ho deciso di lavorare qui. Non è stata una decisione facile, ma felice. Mi piaceva studiare e indagare l’animo umano e nel contempo mi piaceva occuparmi di cani e lavorare con loro.


Le mie vacanze erano nella ex Jugoslavia, con mio padre. Partivamo con un furgone pieno di cani e per tutto il giorno camminavamo in campagna con le gambe che facevano male e le mani tagliate dai guinzagli, per la passione dei cani per la natura, l’odore di selvatico. Eravamo randagi.


Prima di diventare madre ho aperto uno dei primi e rari campi di addestramento cani con padroni. Insegnavamo al proprietario ad educare il proprio cane. Si parla di 25 anni fa. Così la mia vita ha sempre avuto due tempi. Il lavoro che è passione e le altre mie passioni e studi nel tempo libero. Mondi paralleli. Uno non esclude l’altro. Il mio ruolo qui è tessere relazioni con i cani e con gli umani.


Pensione cani Puttini
Pensione cani Puttini
Pensione cani Puttini